Top

5 FEBBRAIO 2022 – 9° Giornata Nazionale Prevenzione dello spreco alimentare

Il 5 febbraio si celebra la 9° Giornata nazionale contro lo spreco alimentare istituita nel 2014 dalla campagna Spreco Zero di Last Minute Market con l’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari e con il Ministero dell’Ambiente su iniziativa del professor Andrea Segrè agro-economista e studioso di ecologia circolare e sostenibile.

L’Osservatorio Waste Watcher International, fondato da Last Minute Market e diretto dal prof. Segré, ha evidenziato che “nel 2021 con uno spreco settimanale medio di 529 grammi di cibo pro-capite gli alimenti restano in testa alla nefasta ‘hit’ degli sprechi per il 74% degli italiani. Seguono lo spreco idrico (52%), gli sprechi nella mobilità (25%), di energia elettrica (24%) e in generale legati ai propri soldi (16%)”.

Molto resta da fare.

Per cominciare proponiamo un

Decalogo per un mondo senza sprechi:

1 – Acquistare solo ciò che serve veramente senza cedere alle sirene del

2 – Prediligere alimenti locali e di stagione basati sulla Dieta Mediterranea.

3 – Leggere e capire bene etichette e scadenze.

4 – Usare frigo, freezer e dispensa per conservare gli alimenti e non per stiparli alla rinfusa.

5 – Cucinare quanto basta, ma se avanza condividere con i vicini o riciclare tutto il giorno dopo.

6 – Far in modo che il bidone della spazzatura sia vuoto, differenziando tutti i rifiuti (anche quelli non alimentari).

7 – Al ristorante chiedere di riportare a casa ciò che non viene mangiato.

8 – Riconoscere che il cibo ha un valore non solo per il nostro portafoglio ma anche per la nostra salute.

9 – Chiedere che l’educazione alimentare e quella ambientale rientrino nelle nostre scuole come parte dell’educazione alla cittadinanza.

10 – Mangiare è un atto di giustizia e di civismo: verso sé stessi, verso gli altri, verso il mondo.

                                                                                  (da Spreco zero – Last Minute Market)

 

Mettendo in pratica questo decalogo, ciascuno di noi può contribuire a raggiungere il seguente obiettivo (Goal) dell’Agenda ONU 2030:

Obiettivo di sviluppo sostenibile n. 12

che prevede di dimezzare entro il 2030 lo spreco alimentare globale pro-capite a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo durante le catene di produzione e di fornitura, comprese le perdite del post-raccolto.

 

Auser Bologna è da alcuni anni impegnata, con i suoi volontari, anche in attività che riducono lo spreco alimentare, e generano contemporaneamente solidarietà concreta verso chi ha difficoltà a procurarsi il cibo necessario (famiglie in difficoltà, persone sole senza indipendenza economica o senza fissa dimora).

Queste attività consistono nel recupero di eccedenze alimentari per metterle a disposizione di  Cucine Popolari e di alcuni centri di assistenza della Caritas di Bologna e provincia e nel collaborare con alcuni Empori presenti nell’area metropolitana.

 

Per approfondire e conoscere il programma delle iniziative della Giornata:

https://www.sprecozero.it/giornata-nazionale-di-prevenzione-contro-lo-spreco-alimentare/