Top

Ha preso il via il Progetto Provvidone, che prevede l’impiego di volontari in un Centro Riabilitativo per utenti psichiatrici

16 Feb

Ha preso il via il Progetto Provvidone, che prevede l’impiego di volontari in un Centro Riabilitativo per utenti psichiatrici

Nato pochi mesi fa da una collaborazione tra Auser e Dipartimento di Salute Mentale, il “Progetto Provvidone”, prevede il coinvolgimento di alcuni volontari Auser, già attivi nel territorio di Castel Maggiore e nei comuni limitrofi, presso il Centro Riabilitativo per utenti psichiatrici “Il Provvidone”, di Sabbiuno (Castel Maggiore).
Nel Centro Riabilitativo, che è composto da un gruppo appartamento e da un centro semiresidenziale diurno, i volontari Auser svolgono un importante servizio di supporto agli operatori della cooperativa sociale Pictor che da tempo, in convenzione con l’Ausl di Bologna, lavorano nel Centro. << Gli ospiti del Centro Provvidone, sotto l’assistenza degli operatori sociali, svolgono una serie di attività agricole e artigianali – spiega Leonardo Piccolo, coordinatore del gruppo Auser di Castel Maggiore – Durante queste attività, nonostante siano abbastanza autonomi, chiaramente hanno comunque bisogno di essere seguiti in modo piuttosto costante. I volontari Auser operano proprio per fare fronte a questa esigenza: quando gli operatori sono costretti ad assentarsi, anche per brevi momenti, i nostri volontari rimangono con gli ospiti della struttura, fanno loro compagnia, e li assistono durante le attività lavorative.>>.
Provvidone infatti non è una struttura residenziale qualsiasi, ma è un vero e proprio “luogo di sperimentazione” in cui l’inserimento sociale passa attraverso l’acquisizione di nuove professionalità. Qui le persone in carico alla Salute Mentale, vengono impiegate, attraverso borse lavoro, in attività di coltivazione e vendita di prodotti agricoli, e in lavoretti di piccolo artigianato per conto di alcune aziende locali. Dato il gran numero di attività che si svolgono all’interno della struttura, la presenza dei volontari Auser, risulta essere fondamentale, sia per dare un sostegno agli operatori, ma anche, soprattutto, per affiancare i giovani ospiti in questa importante esperienza di lavoro e socializzazione. <<Per gli ospiti questa esperienza di inserimento nel Centro va ad assumere un duplice significato – prosegue Piccolo – Da un lato infatti offre loro la possibilità di imparare una nuova professionalità, dall’altro rappresenta anche un importante momento di socializzazione, sia con gli altri ospiti, sia con i volontari e gli operatori presenti nella struttura. In questo senso, proprio per i rapporti di affetto e scambio che si sono creati in questi mesi, appare chiaro che la presenza dei volontari Auser, oltre ad essere di grande utilità pratica, risulta essere anche di enorme valore umano.>>

Per maggiori informazioni
Auser Castel Maggiore
piazza Amendola, Castel Maggiore (BO)
tel. 051/63.86.812 oppure 051/71.11.46

Share